Forti del Vento

“Associati a Vinnatur, Certificati Biologici, conduzione biodinamica, terreni collinari a circa 300 metri di alti­tudine, poco più poco meno, con i filari sistemati a girapoggio, cioè seguendo le linee di livello perpendico­larmente alla pendenza della collina, sistema ideale per sfruttare al massimo l’esposizione. Per combattere l’azione erosiva delle piogge e favorire l’equilibrio delle sostanze necessarie al terreno facciamo crescere l’erba nei vigneti, manteniamo siepi e boschi dintorno e lavoriamo insieme alla natura ed agli animali per favorire la biodiversità e il territorio per noi vere basi dei vini autentici. Siamo Marco, Manuela e Tomaso. Sono stati i nostri nonni a trasmetterci l’amore per il lavoro e la disciplina della terra e uno spirito innovativo, che potete ritrovare in produzioni fuori dagli schemi, perché naturali e buoni, coltivati sulle viti in vigna pri­ma e seguite in cantina poi. Forti del Vento: La forza e la leggerezza. La materia e lo spirito. Tutto si genera per via di contrasto. Così il nostro nome, ispirato dai meravigliosi castelli dell’Alto Monferrato Ovadese e dai venti che soffiano sulle nostre colline, ma soprattutto dalla saldezza delle nostre radici e dalla passione che ci guida nel nostro personalissimo ritorno al futuro. Crediamo nei metodi di coltivazione antichi, nel mantenimento della fertilità del suolo attraverso metodi naturali come il sovescio: preserviamo i boschi e le siepi e consideriamo gli insetti nostri alleati per il mantenimento della ricchezza derivante dalla biodiversità. Vinnatur, agricoltura biodinamica per vini da ricordare. Nei nostri vini c’è il nostro modo di essere e di pen­sare. A noi piace fare (e anche degustare) il vino. Il nostro obiettivo è ricondurre l’assaggiatore a tutto quello che c’è dietro il prodotto: il lavoro, il rispetto per il territorio, per le sue qualità tipiche e per il vitigno da cui proviene. A volte ci si perde in un bicchiere d’acqua. Per noi è importante ritrovarsi in un bicchiere di vino. Siamo nell’Alto Monferrato, in un’area a nord della Liguria che forma un immaginario triangolo con ai vertici i comuni di Ovada, Rocca Grimalda e Castelletto d’Orba, attraversata dall’A 26, che sale da Genova e divide in due il Piemonte fino alle Alpi. Sette ettari vitati su terreni collinari a circa 300 metri di altitudine con i filari sistemati a girapoggio, cioè seguendo le linee di livello perpendicolarmente alla pendenza della collina, sistema ideale per sfruttare al massimo l’esposizione. L’erba nei filari è nostra alleata, metodo naturale per combattere l’azione erosiva delle piogge, favorire l’equilibrio delle sostanze necessarie al terreno, aumen­tare gli insetti e la biodiversità. Abbiamo anche lavorato molto per restaurare e recuperare vecchie vigne di dolcetto, alcune di queste con i filari disposti su ciglioni, ovvero leggeri terrazzamenti su cui crescono le viti”. 20.000 bottiglie.

Mostra come Griglia Lista

1 elemento

per pagina
Imposta la direzione decrescente
Mostra come Griglia Lista

1 elemento

per pagina
Imposta la direzione decrescente
Copyright © 2020 | Ùmmara - All Rights Reserved | Web design